ConsulCAD in collaborazione con ICMQ offrono la possibilità  ai professionisti che già  operano in ambito BIM di ottenere una certificazione di parte terza che attesti il possesso di quelle competenze che il mercato sempre più richiederà, acquisendo così un vantaggio competitivo. 

Perchè diventare un esperto BIM certificato?

La certificazione è lo strumento più idone per garantire agli operatori di filiera (committtenti, fornitori, imprese etc...) che il professionista svolga la sua attività nel rispetto dei criteri verificati e riconosciuti da un organiscmo di certificazione di terza parte indipendente, consentendo al professionista di:

  • Qualificare la propria offerta sul mercato, distinguendosi dai competitor
  • Avere un accesso privilegiato nei rapporti con la committenza in ambito nazionale e internazionale
  • Contribuire a dimostrare, in caso di controversie, di aver operato con adeguata competenza e professionalità
  • Promuovere la propria figura attraverso un pubblico registro presente nel sito web ICMQ

Il nuovo Codice Appalti (art. 23) ha introdotto il metodo BIM negli appalti pubblici, prevedendo l'uso di metodi e strumenti elettronici specifici quali quelli di modellazione per l'edilizia e le infrastrutture. Un successivo decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti dovrà poi individuare i tempi di progressiva introduzione dell'obbligatorietà  del BIM, valutata in relazione alla tipologia delle opere e tenuto con degli importi. L'utilizzo del BIM inoltre costituirà  parametro di valutazione dei requisiti premianti per la qualificazione delle stazioni appaltanti. Viene da se che il ricorso a figure altamente specializzate, come quella del BIM Manager, in grado di gestire correttamente la progettazione secondo la nuova metodologia, sia sempre più richiesta nel mercato attuale e futuro.

La certificazione può essere rilasciata nei seguenti livelli professionali:

  • BIM Specialist: La figura è in grado di utilizzare il software per la realizzazione di un progetto BIM, secondo la propria competenza disciplinare ( architettonica, strutturale, impiantistica, ambientale). È in grado di comprendere ed utilizzare la documentazione tecnica ed operativa aziendale per la produzione degli elaborati e dei modelli (standard e procedure).
  • BIM Coordinator: La figura è in grado di gestire e coordinare progetto BIM multidisciplinari secondo le risorse, gli standard e le procedure aziendali. È in grado di utilizzare gli strumenti software necessari per il coordinamento delle attività  di redazione, controllo e gestione del progetto BIM. Conosce inoltre le modalità  di utilizzo dei software per la redazione dei modelli BIM per una o più discipline ( architettonica, strutturale, impiantistica, ambientale). È in grado di comprendere, utilizzare ed aggiornare la documentazione tecnica ed operativa della commessa per la produzione degli elaborati e dei modelli ( standard e procedure)
  • BIM Manager: La figura è in grado di gestire e coordinare progetti BIM multidisciplinari secondo le risorse, gli standard e le procedure aziendali. È il responsabile della gestione e del coordinamento delle informazioni per i fornitori coinvolti nei servizi di progettazione, realizzazione e gestione dell'opera. È inoltre il responsabile dell'implementazione dei processi e della strategia BIM all'interno dell'azienda, della redazione della documentazione tecnica ed operativa della commessa per la produzione degli elaborati e dei modelli ( standard e procedure)

I primi due livelli sono suddivisi nelle due specializzazioni "Building" e "Infrastructure" che si occupano della progettazione, realizzazione e gestione di differenti opere:

  • Building: opere edili in campo residenziale, culturale e amministrativo, sportivo e dello spettacolo, produttivo e commerciale e di pianifacazione territoriale
  • Infrastructure: opere infrastrutturali quali, ad esempio, strade, ferrovie, opre di sbarramento fluviale, reti tecnologiche, opere portuali e tutte quelle opere che hanno una forte interconnessione con il territorio nel quale sono inserite.

Il profilo BIM MANAGER è una figura strasversale alle specializzazioni Building e Infrastructure, in quanto si occupa della gestione del coordinamento di gruppi di lavoro multidisciplinari in ambito di opere edili e infrastrutturali nei diversi campi dell'ingegneria e architettura. La certificazione viene rilasciata in seguito al superamento di un esame, accessibile dimostrando il possesso dei requisiti specificati nella tabella.

 
REQUISITI MINIMI BIM SPECIALIST BIM COORDINATOR BIM MANAGER
Grado di istruzione Diploma di scuola media di secondo grado
Esperienza di lavoro generica Nessuna esperienza Almeno 3 anni Almeno 5 anni
Esperienza di lavoro specifica

con il metodo BIM

È richiesta la conoscenza

di uno strumento BIM

Almeno 2 anni se in possesso

del diploma di cui sopra, oppure almeno 1 anno

se in possesso di laurea

Esperienza di gestione e cordinamento di attività

in ambito BIM di almeno: 2 anni se con diploma,

1 anno se in possesso di laurea

 

L'esami è composto da tre prove:

  • Prova scritta: composta da un test con domande a risposta multipla, ad ogni domanda sono proposte tre possibili risposte di cui una sola è corretta, mentre le restanti sono sbagliate o incomplete. La prova prevede un totale di 20 domande suddivise in 10 di carattere generale (attinenti al settore del BIM) e 10 di carattere specifico (relative al singolo livello e specializzazione). Tempo 40 minuti.
  • Prova pratica: si tratta di un caso studio differenziato per ogni livello e specializzazione, da completare in  un tempo massimo di 2 ore.
  • Prova orale: costituita da una discussione individuale con l'esaminatore durata tra i 15 e i 30 minuti, durante la quale viene discusso anche l'esito della prova pratica.

L'esame si considera superato se la valutazione finale è superiore o uguale al 60% del punteggio massimo, come riepilogato nella tabella.

 

ESAME PER OGNI LIVELLO E SPECIALIZZAZIONE

 
Tipo di esame Durata massima (minuti) Punteggio minimo per il superamento

di ogni singola prova

Punteggio minimo per il

superamento dell'esame

Prova scritta 40 minuti 12/20 (≥ 60%)

60/100 (≥ 60%)

Prova pratica 120 minuti 42/70 (≥ 60%)
Prova orale 30 minuti 6/10    (≥ 60%)

La certificazione ha una durata di tre anni. Al termine del triennio, le persone certificate devono sostenere un esame orale della durata di 20 minuti al fine di verificare l’efficacia dell’aggiornamento professionale documentato nel mantenimento annuale.




Richiedi Informazioni

Invia una richiesta per avere informazioni sui nostri servizi e prodotti.


Ho letto e accettato il trattamento dei dati ai fini della Privacy

Opinioni dei clienti